Si confondono i ruoli di chi offende e di chi è offeso

Comunicato Aldo Maroso - Vivere Cassola
Contemporaneamente al comunicato stampa dell'amministrazione Pasinato, apparso su Bassanonet il 20/5, relativo al confronto fra candidati sindaci del 19/5, è stato distribuito a tutta la popolazione, sempre in data 20/5 e sempre da parte dell'amministrazione uscente, un volantino che riprende parte delle tematiche affrontate nel confronto del 19/5 e dedica una pagina intera a presunti “attacchi” che noi portiamo continuamente alla maggioranza, definendoli chiacchiere, falsità “fatte ad arte per screditare, parlare male, generare cattiveria”. Si confondono, evidentemente, i ruoli di chi offende e di chi è offeso.
(Per inciso, visto che si parla di falsità, comunico che ho provveduto a sporgere denuncia contro gli anonimi responsabili di alcuni commenti su blog locali, profondamente e dolorosamente calunniosi nei miei confronti. A tanto può arrivare la meschinità, coperta dall'anonimato?).

Osservo semplicemente quanto segue:
1) Tutto ciò di cui si parla è stato oggetto di discussione pubblica fra candidati nel confronto del 19/5.
2) Esiste la video registrazione integrale del confronto e l'organizzatore ha assicurato che ne avrebbe fornito copia al sindaco uscente.
3) Il sindaco metta in rete, sul suo sito, il confronto e il cittadino giudicherà da solo cosa sia vero e cosa sia falso di quanto scritto dall'amministrazione uscente nel comunicato e nel volantino.

Non posso e non voglio “rincorrere” tutti i comunicati e volantini che vengono continuamente diffusi. Mi limito soltanto ad alcune precisazioni, e spero siano le ultime:

1) Ribadisco che Vivere Cassola non ha subito, non subisce e non subirà condizionamenti di partito.

2) Acquapark: le posizioni sono chiare e divergenti tra le due liste. Inutile riprenderle. Preciso solo che il sindaco afferma, nel volantino, che “non c'è stato spreco di denaro dei cittadini di Cassola”, ma subito dopo dice che “una parte della spesa sostenuta è stata coperta da contributo dello stato”. Si tratta di un milione di euro, ma, evidentemente, per il sindaco i soldi dello Stato non sono soldi dei cittadini di Cassola. Il sindaco dice anche, perentoriamente, che “neppure un euro è stato speso di provenienza dalle casse del comune”. Tale affermazione, più volte reiterata, è palesemente falsa, come dimostra la documentazione presente anche nel sito del comune e a cui rimandiamo con i link allegati. Si tratta di 3 determinazioni: la n. 39/DL del 31/05/2013, la n. 108/DL del 30/12/2013 e la n.22/DL del 17/03/2014 che impegnano rispettivamente 50.084 euro, 25.376 e 13.068 euro.

3) L'affare di via Marzabotto. Il sindaco non fa che ripetere le motivazioni dell'insediamento della ditta Animo ma non dice una parola sulle nostre osservazioni circa il ruolo della società immobiliare che ha lucrato un milione e quattrocentomila euro da questa operazione. Era su questo che chiedevamo trasparenza, non sulle giuste ragioni della ditta Animo.

Nella parte finale del comunicato e nel volantino, ancora una volta, si parla delle nostre osservazioni come esclusivamente di accuse, superficialità, banalità.
Eppure ho espresso con chiarezza, durante il confronto pubblico, il mio apprezzamento per quanto di buono ha fatto l'amministrazione uscente, facendo in particolare i complimenti a Silvia Pasinato per l'ottimo lavoro nelle politiche giovanili, e non solo. E ho sottolineato che non elimineremo una virgola delle cose buone fatte, ma da queste partiamo per svilupparle e migliorarle con altre iniziative. Accuse, banalità, superficialità pure queste?

Le nostre proposte di programma sono tutte per vivere bene a Cassola e vogliamo realizzarle con i cittadini. Le abbiamo costruite con loro e senza di loro non potremmo realizzarle.

documentionline.comune.cassola.vi.it/Determinazioni/determineLavoriPubblici/2014/determinazione-n-22-dl-del-17.03.2014/view
documentionline.comune.cassola.vi.it/Determinazioni/determineLavoriPubblici/2013/determinazione-n-39-dl-del-31-05.2013/view
documentionline.comune.cassola.vi.it/Determinazioni/determineLavoriPubblici/2013/determinazione-n-108-dl-del-30-12.2013/view